La differenza fra saccente e sapiente è l’umiltà .

09 Ottobre 2021

 

Il sapiente è colui che con mitezza e umiltà cerca di condividere il suo sapere. Il saccente ama far pesare la sua cultura. È sempre arrogante. Che sappia o creda di sapere.

Il sapiente vero ama imparare anche da chi sa meno di lui.

L’ignoranza culturale è una condizione che può essere cambiata. L’ignoranza dell’anima (o spocchia), no.

Non a caso, Cechov, disse : “L’università sviluppa tutte le doti, compresa la stupidità”, lui era ben conscio che una laurea non regala né la cultura, né l’intelligenza e tantomeno la saggezza. E purtroppo nemmeno la competenza. Conosco molte persone coltissime ed intelligenti con nessun titolo altisonante di studio. E persone poco brillanti che sfoggiano smargiasse una laurea.

“Cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita…Ha cultura chi ha coscienza di sé e del tutto, chi sente la relazione con tutti gli altri esseri (…) Cosicché essere colto lo può chiunque voglia.” Gramsci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente

Inganni

Bugie, falsità, ipocrisia, ricatti, illusioni, delusioni, inganni, sono le varie sfaccettature dei complicati intrecci che spesso legano gli umani. Il libro, attraverso i suoi personaggi, svela come vengono viziate le giornate, deviati i pensieri, alterate le azioni, falsate le parole delle persone dalla non verità e dall’inganno. Inganno di cui il rapporto di Andrea e Chiara, coppia attorno a cui ruota la narrazione, è impregnato. Ma c’è anche la verità. Luce abbagliante ed invisa a molti, troppi uomini, che impongono, a chi gli è a fianco, il peso delle loro menzogne, delle loro maschere, di quello che sono e non sono, il peso di quello che non provano, il peso della loro freddezza.

Continua a leggere

Acquista su