Agli uomini non piace amare

16 Settembre 2019

Parevano due statuine di porcellana, così nudi, abbracciati nella penombra di una camera sul mare. In silenzio si guardavano: slanci e parole sensuali rimanevano intrappolati dalla vergogna. Si conoscevano da poco.

Si erano incontrati nella maniera più classica e casuale: in una sala da tè in un pomeriggio piovoso. I cieli imbronciati erano i suoi preferiti. Chiara li amava particolarmente: non potevi fare altro che oziare con un tè caldo fra le mani, pensava. Quel giorno sarebbe arrossita se avesse immaginato loro due a letto insieme.

Tutto molto piacevole: i primi sguardi, i primi convenevoli che sfumano in corteggiamento, la prima volta…A cui ne seguirono altre ritagliate nella quotidianità di un uomo separato… “quasi”, aggiungeva Andrea. Le prime incomprensioni sul tema si scioglievano fra le lenzuola, le prime pretese sentimentali di Chiara, invece, lo mettevano a disagio. Lei chiedeva solo parole rassicuranti, la certezza che lui l’amasse. Erano discorsi indiretti, appena accennati in cui il verbo “amare” era censurato da lei, ma auspicava che lui inciampasse nella “trappola”.

Faceva buio da un po’, quella sera, un fulmine silenzioso illuminò il cielo: sembrava improvvisamente mattina. Lei si accoccolò a fianco a lui sul divano, parlarono un poco del temporale e chissà come Andrea s’inoltrò in un discorso sulle differenze fra uomo e donna. Dalle cose simpatiche e divertenti si planò su argomenti spinosi, per un uomo. Andrea, con la disinvoltura di chi è abituato a giocare d’azzardo, allargando le braccia, disse: “hanno proprio ragione a dire che le donne amano diversamente…altrimenti non sarebbe toccato a voi il privilegio di fare figli…”

Chiara sorrise incerta, lui si alzò dal divano, afferrò la camicia, la baciò sulle labbra: “vado è tardi, ci sentiamo domani..” Troppo volte Chiara aveva sentito pronunciare quella frase, suonava come un disco rotto. Si alzò di scatto anche lei, andò in camera senza guardarlo: aveva capito “l’avviso ai naviganti” lanciato con la frase sul perché le donne rimanevano incinta…

Lui non disse nulla, la guardò allontanarsi con indosso solo la biancheria. Prima di chiudere la porta bianca, lei gli lanciò uno sguardo, era d’illusione delusa. Ma aveva deciso, non l’avrebbe più sentito, guardato,toccato e tanto meno amato. Era lontanissima e lui l’aveva percepito, ma con la sicurezza di averla in tasca, pensò “è un attimo, domani non ci penserà più…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Ultimi articoli

Inganni

Bugie, falsità, ipocrisia, ricatti, illusioni, delusioni, inganni, sono le varie sfaccettature dei complicati intrecci che spesso legano gli umani. Il libro, attraverso i suoi personaggi, svela come vengono viziate le giornate, deviati i pensieri, alterate le azioni, falsate le parole delle persone dalla non verità e dall’inganno. Inganno di cui il rapporto di Andrea e Chiara, coppia attorno a cui ruota la narrazione, è impregnato. Ma c’è anche la verità. Luce abbagliante ed invisa a molti, troppi uomini, che impongono, a chi gli è a fianco, il peso delle loro menzogne, delle loro maschere, di quello che sono e non sono, il peso di quello che non provano, il peso della loro freddezza.

Continua a leggere

Acquista su