L’uomo ‘Oggetto’

19 Febbraio 2020

 

Etta: “Bene! É arrivato! …Ma come è possibile?!…Io l’avevo ordinato biondo!” Fissò con delusione il suo ‘bambolo sexy’. Quelli che…insomma, avete capito. “L’avranno scambiato!” pensò Etta guardando in direzione dell’appartamento dell’amica Anne. Si alzò in piedi, gettò l’involucro e disse: “Non importa, d’altronde mi sono tenuta tanti stronzi…non mi faccio intimidire dal tipo bruno e tenebroso…se ad Anne va bene il biondo…”

Mise il suo nuovo amico sul divano, “in camera occupa troppo spazio…non ho il coraggio di provarlo oggi…tanto veniamo considerate ‘facili’ se ci stiamo subito, vero caro?” disse rivolgendosi allo pseudo uomo. “La mia amica Anne, farà certamente da apri pista…mi dirà, domani, come funziona…”

La sera si mise a mangiare un panino a fianco a ‘lui’: per familiarizzare. Il ‘bambolo’ fissava lo schermo con un’espressione vagamente umana: di un vuoto penetrante. “Ti piacerebbe vedere la partita? E invece no! Ci guardiamo un bel filmetto di altri tempi…che meraviglia…nessuna lamentela!”

La mattina dopo incontrò Anne sul pianerottolo, le chiese a bruciapelo: “Com’è andata?” L’amica aveva il viso di chi ha fatto gli stravizi, replicò semplicemente: “Ti dico dopo a cena…”

Si ritrovarono nel tardo pomeriggio a chiacchierare di fronte ad una tazza cioccolato caldo e un dolce sgangherato, ma buono, fatto da Etta.

“Non mi sono accorta dello scambio…l’ho usato e mi sono affezionata…lo tengo. Poi che faccio? Ne cambio uno a sera?”Disse Anne. Etta scoppiò a ridere: “Ci sono parecchi vantaggi: niente cena da preparare,né liti su cosa fare in vacanza, sulle uscite con gli amici, né polemiche su quanto spendo ecc-”

“E poi, dettaglio non trascurabile, è sessualmente appagante…è sempre pronto!”Disse Anne che si addentrò in particolari ‘scabrosi’ di come aveva passato la prima sera con ‘lui’. L’amica ascoltò con occhi sgranati e lacrime dalle risate, ma quella sera decise di prendere coraggio e provare, “d’altronde l’ho pagato parecchio…”

Lo mise sul letto, lei si sdraiò a fianco… “Bene debbo prendere io l’iniziativa, certo non posso aspettarmi delle avance, è una bambola…non che ne arrivassero di più focose dagli uomini veri…lui almeno è scusato…Ci penso io!”

Le amiche passarono una settimana simpatica in compagnia dei loro ‘uomini’, ma una mattina Etta trovò il bambolo di Anne sul pianerottolo,di fronte casa dell’amica. Etta suonò per chiederle cosa era successo. Anne replicò alla sua maniera: “è troppo ingombrante…che dici? si getta nell’organico? nell’indifferenziato?” Domandò pensierosa  all’amica che scoppiò a ridere.

Anne: “Preferisco comprarmi solo quello che mi serve di ‘lui’…”

Etta disse ingenuamente: “Cosa?”

Anne la fissò un attimo, alzò il sopracciglio e disse : “Indovina?”

 

10 commenti

  1. Ꮇy spouse and I stumbled ovfer heгe coming from a different web page and thought
    I mаy ɑs well chrсk things out. I like what I see so i am just following
    you. Look fⲟrward to finding out about yyour web page again.

  2. A perѕօn essеntially lend a hand to makе significantly articles I’d
    state. That is the first timke I frequented yoᥙr web paցe and up to now?I
    amazed with tһe analysis you made to make thіs actսal post extraordinary.
    Wonderful tаѕk!

  3. Se la donna cerca solo appagamento con e nel sesso, ben venga acquistare solo “ciò” che conta in quel momento. Se la donna cerca lume e sentimento allora occorrerebbe un esercito in casa, perché quello non è mai ingombrante!….. E anche il sesso sarà molto più appagante😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Ultimi articoli

Inganni

Bugie, falsità, ipocrisia, ricatti, illusioni, delusioni, inganni, sono le varie sfaccettature dei complicati intrecci che spesso legano gli umani. Il libro, attraverso i suoi personaggi, svela come vengono viziate le giornate, deviati i pensieri, alterate le azioni, falsate le parole delle persone dalla non verità e dall’inganno. Inganno di cui il rapporto di Andrea e Chiara, coppia attorno a cui ruota la narrazione, è impregnato. Ma c’è anche la verità. Luce abbagliante ed invisa a molti, troppi uomini, che impongono, a chi gli è a fianco, il peso delle loro menzogne, delle loro maschere, di quello che sono e non sono, il peso di quello che non provano, il peso della loro freddezza.

Continua a leggere

Acquista su