I Primi Giorni D’isolamento

19 Marzo 2020

Primi giorni di isolamento

Roma è un museo a cielo aperto,un teatro di posa,ti sembra di ammirarla per la prima volta:bella più che mai,spiazzante,emozionante, semplicemente Roma.

É un privilegio essere romani,vederla vuota in tutta la sua grandezza,imponenza è un’immagine che non dimenticherò mai. E poi c’è il sole e il cielo “sempre più blu”… nonostante tutto, anche quando è uggioso, la città non smette di splendere.

Posso godermela poco, è vero:quando a piedi vado al supermercato. Durante il percorso incontro la polizia, sorrido,dimenticando che non possono vedere le mie labbra. Indosso una mascherina che tutti scambiano per tecnologica, ma è home made: collant e scottex! Ogni tanto mi scruta un poliziotto sembra accertarsi che non vada a passeggio. Io sventolo con nonchalance la borsa del supermercato per far notare che osservo scrupolosamente le direttive. E per precauzione: vedi mai che per sbaglio mi caricano e mi sbattono in gattabuia!

Cammino sbirciando le vetrine dei negozi che sfoderano la nuova collezione,la scena è surreale. Abiti colorati che ammiccano alla “città vuota”,allegri e spensierati…Noto qualcosa che mi piace, ammetto che la voglia di shopping con la città a mia disposizione è tanta, ma non mi soffermo e punto alla meta.

Nella piccola traversa,in cui si trova il negozio di alimenti,adocchio sette/otto persone, esclamo dentro di me: “ma che casino, oggi!” Evidentemente comincio ad abituarmi alla quiete,alla situazione attuale.

Entro: poche persone che parlano poco. Tutti trattengono il fiato dallo shock e dalla paura del contagio, “preferisco non parla’…nun se mai” dice qualcuno alle mie spalle.

A casa c’è il balcone e il balcone racconta: la mia vicina ha un collega con amante e va a vederla con la scusa dell’ufficio vicino casa sua…

C’è una giovane coppia che litiga, ho la sensazione che la quarantena metterà a dura prova la tenuta di parecchie coppie. Uscendo spesso non ci si accorge di chi abbiamo a casa…

Io? Seguo il consiglio di Pasolini: leggere,leggere,leggere. Leggo tanto Cechov, e scrivo molto sul mio blog letterario che, attraverso racconti,articoli ecc analizza le relazioni umane. Ci tengo a dire che un tweet in cui ne parlavo l’ha RT Erica Jong! Un bel traguardo per chi ha cominciato da poco… piccole, grandi soddisfazioni!

Cosa impariamo dall’attuale situazione? Che gli italiani si confermano pieni d’immaginazione ed ironia, vedi i video sulla quarantena (being Italian means something!) e che un po’ di orgoglio l’abbiamo anche noi. Poi certo non si smentiscono nell’allergia alle regole,hanno molta difficoltà a recepire le nuove direttive…abbiamo avuto da sempre delle classi dirigenti che si percepivano al di sopra della legge…Chiaramente non si poteva pensare che il popolo imparasse di botto il significato e l’importanza del senso civico e del rispetto delle regole. Sembra che agli Italiani faccia più paura la verità che il virus e che preferiscano credere a quello che più gli fa comodo: rimangono ancora attaccati al “è solo un’influenza”. Forse credono che le epidemie appartengono a tempi o a luoghi lontani. Ma i virus viaggiano veloce quanto noi ed assieme a noi, come descritto bene nel libro lungimirante Spillover, che lessi tempo fa.

Altra lezione: siamo vulnerabili ai problemi creati da noi, vedi il recente rapporto WWF che parla su come la mano pesante degli umani, che ha sconvolto i delicati equilibri della natura, abbia un ruolo nel far emergere virus nuovi ecc.

In ultimo, tutti hanno capito l’importanza del lavarsi le mani anche quando tutto tornerà come prima, anche se penso che nulla sarà mai veramente come prima: psicologicamente, emotivamente la situazione lascerà un segno indelebile…

4 commenti

  1. Vorrei commentare alcuni tuoi tweet, ma mi sento spiato. Visto che ami le citazioni e visto che credi nella lettura, ti consiglio” Il mestiere di vivere ” di Cesare Pavese. Ma solo se pensi di aver acquisito una certa resilienza. E ‘ la biografia di un uomo distrutto dal rifiuto di una donna.

    1. ciao, lo farò sicuramente…puoi scrivermi qua quando ti pare! i commenti e suggerimenti dei followers sono importanti per me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Ultimi articoli

  • 569
  • 566
  • 563

Inganni

Bugie, falsità, ipocrisia, ricatti, illusioni, delusioni, inganni, sono le varie sfaccettature dei complicati intrecci che spesso legano gli umani. Il libro, attraverso i suoi personaggi, svela come vengono viziate le giornate, deviati i pensieri, alterate le azioni, falsate le parole delle persone dalla non verità e dall’inganno. Inganno di cui il rapporto di Andrea e Chiara, coppia attorno a cui ruota la narrazione, è impregnato. Ma c’è anche la verità. Luce abbagliante ed invisa a molti, troppi uomini, che impongono, a chi gli è a fianco, il peso delle loro menzogne, delle loro maschere, di quello che sono e non sono, il peso di quello che non provano, il peso della loro freddezza.

Continua a leggere

Acquista su